Catena & Thermography
Catena & Thermography
Catena & Thermography
"Treethermography® dal 1984"
| HOME | LA TERMOGRAFIA | SERVIZI | PROGETTI REALIZZATI | PUBBLICAZIONI |
 
Dr. GIORGIO CATENA

Nato a Roma nel 1941, coniugato con due figlie, dal 1970 al 2003 ha lavorato presso l'Istituto Superiore di Sanita' di Roma dove ha acquisito ed approfondito la conoscenza della termografia e della fotografia aerea multispettrale, applicandole allo studio delle problematiche ambientali

Istruzione

1967 - Laurea in Chimica presso l'Universita' La Sapienza di Roma
1975 - British Council (Londra, Inghilterra), corso "Control of air and water pollution"
1986 e 1990 - Ministero della Difesa, Aeroporto di Guidonia (Roma), corso "Interpretazione della Fotografia e della Termografia Aeree"
1989 - Istituto G. Reiss Romoli (L'Aquila), corso "Telerilevamento Atmosferico e Meteorologico"
1997 - Associazione Italiana di Telerilevamento (ESA/ESRIN - Frascati, Roma), corso "Utilizzo dei dati di Osservazione della Terra (EO) nella Pubblica Amministrazione"
1999 - ESRI Italia, Istituto Superiore di Sanita' (Roma), corso " Introduction to ArcView GIS"
2001 - corso "Valutazione della stabilita' e gestione degli alberi in ambiente urbano" organizzato dall'Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali di Roma
2004 - seminario tecnico del prof. Klaus Mattheck "Tree Mechanics as an Innovator in Arboricolture practice" Maastricht, Olanda
2005 - seminario tecnico del Dr. Michael Schlag "Integrated tree control: Dynamic aspects of wood-decomposition in living trees" organizzato a Maastricht (Olanda) da BTL Bomendienst BV
2007 - seminario tecnico del Dr. Michael Schlag "I funghi agenti di carie: i nemici silenziosi" nell'ambito del Simposio e Workshop Internazionale "La gestione del verde pubblico: nuove tendenze e problematiche europee", Latina, 6-7 giugno

Attivita' didattica

Ha tenuto alcuni corsi accademici tra cui:
1991 - 1994, Universita' di Tor Vergata, Roma, Professore a Contratto presso la Scuola di Specializzazione di Igiene e Medicina Preventiva, corso "Tecniche di Telerilevamento nello Studio dell'Ambiente"
1991 - Universita' La Sapienza, Roma, "Tecnologia dei cicli produttivi: tecnologie ambientali"
1998 - Istituto Superiore di Sanita', Roma, "Microbiological contamination of water bodies and contamination sources: sanitary and methodological aspects"
1998 - Istituto Superiore di Sanita', Roma, "Health and Environment: Priorities, monitoring methods, assessments and risk management"

Ha tenuto vari Seminari e Workshop tra cui:
1990 - Universita' La Sapienza, Roma, "Fotografia e Termografia Aeree nello studio dell'Ambiente"
1990 - Universita' della Tuscia, Viterbo, "Il Telerilevamento e le sue applicazioni all'analisi della vegetazione e dell'ambiente"
1990 - Universita' La Sapienza, Roma, "Il Telerilevamento quale sistema di controllo dell'ambiente"
1991 - Universita' della Tuscia, Viterbo, "Il Telerilevamento per lo studio del territorio"
1991 - Universita' di Perugia, "Il Telerilevamento nell'individuazione delle cause di inquinamento"
1998 - Istituto Superiore di Sanita', Roma, ABDMAP Algal Bloom Detection Monitoring and Prediction , 3° Workshop "Public Health"
2003 - Conferenza annuale della Arboricultural Association, Northampton (UK), Relazione Invitata "Thermal Imaging for Tree Assessment"
2004 e 2005 - BTL Bomendienst BV, Apeldoorn, NL, "Thermography for Tree Assessment"
2005 - TEP Seminar Series - Tree Micro Ecology: Perceptions of Disease & Decay in Trees, Richmond Park, Greater London e Fountains Abbey, Ripon (UK), "Thermal Imaging"
2010 - Conferenza Annuale della Arboricultural Association, Manchester (UK), Relazione Invitata "Thermal imaging, current and future application"

Attivita' professionale

1970 - 2003 - Primo Ricercatore presso il Laboratorio di Igiene Ambientale dell'Istituto Superiore di Sanita' di Roma (www.iss.it)
1974 - ha fondato l'Unita' di Telerilevamento dell'ISS che ha diretto fino al 2003; nel corso degli anni ha organizzato e diretto 79 Progetti, anche volando per piu' di 600 ore su molte localita' italiane con elicotteri e con il dirigibile Europa 2 della Soc. Goodyear
2003 - si e' dimesso dall'ISS e ha costituito una sua Societa', Catena & Thermography, per dedicarsi allo sviluppo della Termografia applicata alla valutazione di stabilita' delle piante.
E' stato membro delle seguenti organizzazioni e comitati come Esperto di Termografia
1976 - Marine Science Panel della NATO sulla standardizzazione delle analisi necessarie in caso di sversamenti di inquinanti in mare, Venezia
1976 - 1999 - ha condotto alcune indagini termografiche per la Presidenza della Repubblica Italiana, per alcuni Ministeri e Regioni Italiane e su incarico di alcuni magistrati
1977 - 1980 - Gruppo ad Hoc per la scelta delle attivita' e dei metodi di controllo della qualita' delle acque marine costiere del Mediterraneo, creato presso l'Istituto Superiore di Sanita' di Roma, nell'ambito del Progetto Pilota del WHO-UNEP sul controllo della qualita' delle acque costiere del Mediterraneo (Med VII)
1978 - Controllo della qualita' delle acque marine costiere e delle aree di coltura dei molluschi nell'ambito del Progetto Pilota del WHO/UNEP (Med VII)
1983 - 1985 - Commissione della Presidenza della Repubblica per la protezione della vegetazione nella Tenuta Presidenziale di San Rossore (Pisa)
1985 - 1989 - Commissione della Presidenza della Repubblica per la redazione del piano di assestamento forestale della tenuta Presidenziale di Castelporziano (Roma); in questa occasione, ha impiegato la termografia anche per il censimento della fauna selvatica sia da terra che da bordo di elicotteri
1997 - 1999 - Concerted Action on Algal Bloom Detection, Monitoring and Prediction (ABDMAP), European Commission Framework IV, Centre for Earth Observation: si tratta di un progetto europeo per lo studio del problema della fioritura delle alghe tossiche nei mari europei

Attivita' di ricerca

Nel corso degli anni si e' interessato all'uso del Telerilevamento e della Termografia in vari settori per dedicarsi infine alla valutazione della stabilita' degli alberi usando la Termografia. In oltre trenta anni di lavoro ha accumulato nei suoi archivi piu' di 40.000 fotografie (anche multi spettrali) e termografie, riprese sia in volo che a terra.
1973 - Insieme al suo collaboratore Lanfranco Palla ha iniziato ad utilizzare le tecniche di Telerilevamento, in particolare la Termografia che in quel periodo iniziava ad essere impiegata in ambiti civili, per studiare i fenomeni di inquinamento ambientale
1974 - 2003 Ha fondato l'Unita' di Telerilevamento presso l'ISS di Roma e l'ha diretta fino alle sue dimissioni. L'Unita' ha impiegato la Termografia e la Fotografia Aerea per individuare gli scarichi idrici, le fioriture algali, i reperti archeologici ancora interrati, le discariche di rifiuti sparse sul territorio, per censire gli ungulati in ambienti naturali, quale sussidio delle analisi chimiche e microbiologiche per valutare le acque di balneazione, ecc.
In questo ultimo settore cio' gli ha permesso di sviluppare un sistema che, combinando l'uso delle foto aeree delle aree costiere con la ripresa di immagini termiche lungo le coste, individua le possibili sorgenti inquinanti e aiuta a combattere al meglio l'inquinamento delle acque di balneazione convinto che gli alberi sono puntuali indicatori di inquinamento, ha iniziato a studiare la possibilita' di usare le speciali pellicole fotografiche aeree all'infrarosso per individuare malattie nelle piante causate dall'inquinamento. Questo metodo e' stato usato per la prima volta nel 1983 sorvolando la Tenuta Presidenziale (ora Parco) di San Rossore (Pisa) nell'ambito degli studi sul deperimento della locale pineta 
un altro dei settori di interesse nel quale ha impiegato la Termografia e' stato il censimento di cinghiali e daini in zone boscose o fortemente cespugliate, dove questi animali costituiscono un serio problema per la gestione del territorio. In questi ambienti i metodi tradizionali di censimento possono richiedere tempi lunghi, molto personale e sono costosi: ha pensato di sorvolare con una telecamera IR le zone di interesse per visualizzare e contare gli animali in quanto la loro temperatura corporea li rendeva visibili sul terreno. Egli ha dimostrato l'applicabilita' del metodo anche nella buona stagione, quindi in assenza di neve, al contrario di quanto affermato in articoli pubblicati negli Stati Uniti. Ha anche suggerito l'impiego di questa tecnica nello studio del comportamento dei pipistrelli
1984 - Con il suo collaboratore Lanfranco Palla, ha introdotto l'uso della termografia nella valutazione della stabilita' degli alberi, creando un vero sistema non invasivo che, usando una telecamera sensibile alla radiazione infrarossa, puo' individuare a distanza e da terra la presenza di tessuti deteriorati/marciumi e di cavita' nei tronchi e nei rami degli alberi, delimitandone l'estensione e quindi visualizzando anche il tessuto sano residuo presente. Il sistema mette in luce, finora unico al mondo, l'esistenza di tessuti deteriorati/marciumi e cavita' anche nell'apparato radicale 
in realta' ci si e' resi conto ben presto che il sistema mostra la presenza di danni e cavita' in quanto e' in grado di valutare la vitalita' dei tessuti dell'esemplare esaminato. Per questo permette di "vedere" i danni nell'apparato radicale senza scavare le radici, consente di valutare la vitalita' di alberi maturi e monumentali (veteran trees) e mostra la presenza di tessuti di rinnovazione anche quando il processo non e' ancora visibile dall'esterno. Questa intuizione ha trovato conferma ricontrollando, anche a distanza di molti anni alberi danneggiati ma lasciati in piedi perche' ritenuti non pericolosi 
finora ha una casistica di alcune migliaia di alberi esaminati - conifere, latifoglie e palme: in oltre 300 casi ha potuto verificare l'esattezza della diagnosi con strumenti invasivi, inserendo sonde nei fori esistenti o anche dopo aver fatto abbattere e sezionare gli alberi ritenuti pericolosi.
2003 - a oggi, Dopo le sue dimissioni dall'ISS, ha creato una sua societa', Catena & Thermography, con sua figlia Alessandra, laureata in Scienze Forestali ed Ambientali all'Universita' della Tuscia, per diffondere l'uso della Treethermography®. A tale scopo sono stati nel Regno Unito, in Olanda e Germania in piu' occasioni per eseguire misure, introdurre il metodo e fare delle Presentazioni in congressi o a gruppi di amministratori e/o utenti del settore. Chiusa la societa', continua le ricerche sul campo - specialmente per ricontrollare esemplari esaminati anche da piu' di venti anni, a scrivere articoli e a partecipare a Convegni Internazionali 
si dedica attivamente all'insegnamento della tecnica agli arboricoltori ed agli esperti di termografia desiderosi di utilizzarla. La possibilita' che ha di riesaminare nel tempo le stesse piante, anche a distanza di molti anni, gli ha fornito un'esperienza ed una competenza al momento unica.

E' autore e coautore di piu' di 100 articoli (oltre 50 su Treethermography®) su riviste nazionali e internazionali; con sua figlia Alessandra, ha tenuto Presentazioni a Congressi e Seminari italiani ed internazionali.
Fino al pensionamento e' stato membro della SIA (ISA - Italian Chapter) e, per 26 anni, della Remote Sensing Society (UK) ora Remote Sensing and Photogrammetric Society - RSPSoc (UK). E' membro della Arboricultural Association (UK).


   
Giorgio Catena fotografa da un elicottero A109

Giorgio Catena fotografa da un elicottero A109

Un tiglio, capitozzato in passato, mostra alla base una larga fenditura longitudinale

Un tiglio, capitozzato in passato, mostra alla base una larga fenditura longitudinale

La ricostruzione con immagini termiche, riprese alla fine degli anni 80 con la vecchia apparecchiatura, mostra la presenza di tessuti molto danneggiati al colletto che indicano un  grave danno nell'apparato radicale e una vasta cavitą che dalla base arriva alla biforcazione

La ricostruzione con immagini termiche, riprese alla fine degli anni 80 con la vecchia apparecchiatura, mostra la presenza di tessuti molto danneggiati al colletto che indicano un grave danno nell'apparato radicale e una vasta cavitą che dalla base arriva alla biforcazione

Catena & Thermography

Catena & Thermography

Catena & Thermography

Occorre una didascalia?

Giorgio Catena mentre tiene una Presentazione in Olanda

Giorgio Catena mentre tiene una Presentazione in Olanda

Nella foto aerea infrarossa (infrarosso fotografico, non termico) dei tre platani - indicati dalle frecce nere - si evidenzia una forte decolorazione nella chioma di quello di sinistra, segno di una grave sofferenza (si veda Pubblicazioni, E2)

Nella foto aerea infrarossa (infrarosso fotografico, non termico) dei tre platani - indicati dalle frecce nere - si evidenzia una forte decolorazione nella chioma di quello di sinistra, segno di una grave sofferenza (si veda Pubblicazioni, E2)


Via Peveragno, 33 - 00166 Roma - Italia Tel/Fax +39(0)6 6637187 Mob: +39 340 7016037 
E-mail: giorgio.catena@treethermography.it

Indirizzo Skype "gioca2010"

Legal Information


Progetto grafico e realizzazione Stelweb sas